EMOFILIA E SALUTE ORALE: I CONSIGLI PER UNA BUONA PREVENZIONE

Carie e gengivite sono i disturbi dentali più diffusi al mondo, e le persone affette da emofilia sono soggette alla loro insorgenza esattamente quanto gli individui sani. Per gli emofilici, però, le procedure odontoiatriche più invasive, come l’estrazione dentale, che a volte sono necessarie per curare queste condizioni, possono destare qualche preoccupazione per via del rischio di incorrere in sanguinamenti. La buona notizia,però, è che sia la carie che la gengivite possono essere efficacemente prevenute grazie a qualche piccolo accorgimento da seguire quotidianamente.

Carie dentale

La carie dentale si presenta sotto forma di piccoli fori che si formano sulla superficie del dente, in seguito al danneggiamento di due importanti componenti dentali: smalto e dentina. Questo danneggiamento è provocato principalmente dall’ingestione eccessiva di alimenti contenenti zuccheri, i quali, a contatto con i batteri presenti nella bocca, rilasciano degli acidi che corrodono la superficie dura del dente.

La carie dentale si può prevenire con l’aiuto di alcune semplici accortezze in grado di ridurne l’insorgenza addirittura del 70-80%:

  • ridurre l’ingestione di cibi zuccherati (torte, biscotti, dolci e bevande analcoliche) tra un pasto e l’altro;
  • evitare il consumo eccessivo di succhi di frutta, per via della loro acidità;
  • rinforzare la struttura dentale mediante l’ingestione di un giusto apporto di fluoro, reperibile principalmente tramite l’acqua;
  • qualora fossero già presenti degli accenni di carie, rivolgersi a un Dentista, il quale applicherà uno strato in resina sigillante che arresterà la progressione del danno.

Gengivite

La gengivite è una malattia infiammatoria che colpisce le gengive, ed è provocata da residui di saliva mista a batteri che si depositano nel punto di confine tra dente e gengiva, formando un film chiamato placca. L’infiammazione delle gengive porta a sanguinamento, dolore e alito cattivo.

I suggerimenti da seguire per prevenire la gengivite riguardano prevalentemente la cura dell’igiene orale:

  • lavare accuratamente i denti almeno mattino e sera, con l’ausilio di un buon spazzolino e del filo interdentale;
  • usare dentifrici con enzimi attivi che aiutano a disgregare la placca.

Chi è affetto da emofilia dovrebbe avere particolare cura della propria igiene orale, così da prevenire i problemi dentali più diffusi ed evitare il ricorso a trattamenti invasivi. Qualora questi fossero indispensabili, è essenziale riferirlo al proprio Ematologo, il quale stilerà un piano di profilassi specifico per il periodo che precede e segue l’intervento. Grazie alla terapia di sostituzione, infatti, è possibile sottoporsi in modo sicuro ai trattamenti necessari.

 

Fonte:

  • Harrington B. Primary dental care of patients with haemophilia. 2000; 6 Suppl 1:7–12
Torna a news e approfondimenti

Wikiphilia

Approfondisci il significato delle parole che hai letto in questa pagina e scopri l’intero glossario sull’emofilia.

Condizione che si verifica quando l’attività del fattore VIII è compresa tra il 5% ed il 40%.

Condizione che si verifica quando l’attività del fattore VIII è compresa fra 1% e 5%.

Malattia ereditaria di origine genetica caratterizzata da una carenza del fattore VIII della coagulazione, che espone chi ne è affetto ad un elevato rischio di emorragie, sia interne che esterne. L’emofilia di tipo A si manifesta principalmente nei maschi, mentre le femmine possono sono perlopiù portatrici sane.

Alcune delle manifestazioni tipiche della malattia sono emartri (emorragie articolari) ed ematomi (emorragie muscolari).

Condition that occurs when factor VIII activity is <1%.